Pan Tranvai

C’erano volte in cui, insieme al biglietto, si prendeva su anche un certo incarto bruno, dal profumo fragrante. Il bigliettaio, così, era più contento: niente resto da conteggiare. Il pendolare pure: niente spiccioli da trovare nel fondo della tasca, ma solo un incarto, un incarto bruno, che avrebbe fatto da compagno in quel lungo viaggio…

Semi di lino

C’è movimento nell’orto. Non sembra, ma qualcosa si sta risvegliando. Eppure, tutto tace… in superficie. Occorre andare in profondità, oltre le apparenze di quelle zolle di terra bruna. Facendo attenzione, si noterà quel profumo di umidità di fine inverno, che il terreno, ancora dormiente, emana sempre più intenso.  Aroma curioso, speciale, ricco di significato, quanto…

Borbonico

Si sale in carrozza; uno scalpitio e si parte, alla volta di una lussuosa corte del Mezzogiorno abruzzese. Banchetti, tessuti preziosi, tendaggi e broccati dai mille colori. La tavola è lunga, adornata di fiori; i nobili attorno vi fanno girotondo, in un chiacchiericcio vezzoso. Si parla di conquiste, di musica, di artisti cortesi. Si parla…

Riposo invernale dai campi

Pomeriggio, forse sera, sui campi di Chiaravalle.  La segale dorme profondamente, accucciata nella sua zolla di terra tiepida. È ancora presto per rivedere il sole: gennaio ricopre la strada con il suo silenzio invernale. Una macchina passa, interrompendo la quiete; poi tutto si ricompone, e il contadino apre la sua cesta. Una fetta bruna, del…

Il pane ai piedi delle piramidi

Un impasto di farro, acqua del Nilo e lievito madre La civiltà egizia deve la sua esistenza alle acque del Nilo, quale fonte primaria di vita, economia e nutrimento. È grazie a questo fiume che si snoda nel deserto, infatti, se le sue sponde hanno potuto veder sorgere fin dall’antichità piramidi, fitte reti di commercio…

Cereali Antichi

Il nome evoca storie lontane, sapori che risalgono fino alla Notte dei Tempi.  Merito di quel Triticum monococcum che ha dato origine alla coltivazione del grano. Il farro dimenticato di oggi, è la prima spiga addomesticata di ieri. Dodicimila anni dopo, torna quell’aroma complesso, intenso, avvolgente come l’aria piena della Mezzaluna Fertile, che per prima…

La Challah: il pane dell’Antico Testamento

Il Signore parlò a Mosè, dicendo: “Parla ai figli d’Israele, e di’ loro: quando sarete entrati nel paese dove Io vi conduco, e mangerete il pane di quella terra, fatene un’offerta al Signore. Offrirete una focaccia, quale primizia della vostra pasta, nello stesso modo che si offre la primizia dell’aia.  (Num. 15, 17-20) La Challah,…

Il consumatore di pane agricolo urbano prima del 2020

Il consumatore medio di pane agricolo urbano è da considerarsi parte di una ristretta nicchia elitaria, dai toni metropolitani e giovanili. Essere disposti a pagare un prezzo notevolmente superiore agli standard (industriali e artigianali) richiede, infatti, una particolare percezione di valore aggiunto nella pagnotta che ci si appresta ad acquistare. In quanto a dati biografici,…

La mia storia “di pani” – introduzione

Per cominciare a parlare dell’arte nascosta sotto una semplice crosta di pane, non si può che partire dal concreto. Da ciò che ci sta quotidianamente sotto gli occhi in forma di “pane”. Ognuno può pensare alla sua propria esperienza, rispolverando nella mente tutte le pagnotte che, in tempi più o meno recenti, hanno varcato la…

Il baratto silenzioso del pane

Il concetto di “baratto silenzioso” già aveva anticipato “l’andare a comprare il pane” di oggi. Così lo storico Erodoto descriveva quella singolare usanza di scambio, che avveniva tra Cartaginesi e popoli stranieri. In quella parte della “Libia” che si estendeva oltre le Colonne d’Ercole, si era soliti scaricare le merci sulla spiaggia, allontanarsi, e mandare…