G-3F77FHD2CZ

Uncategorized

  • Al di là della parete. “Mimesis”: i graffiti metafisici di Doze Green

    Dalla street art a una filosofica riflessione sull’infinito È nato Jeff, si è firmato Doze sui muri delle strade del Bronx, ed è oggi un filosofo contemporaneo. Questa è l’evoluzione, biografica quanto artistica, di Jeff Green: protagonista della scena newyorkese degli anni Ottanta. Cresciuto nei bassifondi di periferia, dove la cultura hip hop andava per…

    Read more

  • I colori della mia terra. Le grandi tele di Sally Gabori ricordano la storia degli Aborigeni australiani

    Una storia di natura, duro allontanamento, e ritorno a casa  Per comprendere il significato delle opere astratte di Sally Gabori, occorre prima fare un viaggio lontano, tanto nel tempo quanto in termini geografici. Occorre risalire circa al 1924, posizionando la propria mente sull’isola Bentinck, nel cuore del Golfo di Carpentaria, a nord dell’Australia. In quel…

    Read more

  • L’effimero scorre davanti alle lacrime della Madonna. “Aperçues” di Nina Carini nella Basilica di San Celso

    Un contesto inaspettato per l’arte contemporanea Quando si dice che Milano ha mille volti e luoghi nascosti, solitamente sepolti nella frenesia quotidiana, si intende questo. La Basilica di San Celso, quel piccolo edificio anticheggiante sulla destra della chiesa di Santa Maria dei Miracoli (in Corso Italia) è un esempio di tesoro da riscoprire.  Si tratta…

    Read more

  • Il realismo senza ornato che fece da ponte tra Gotico e Rinascimento. La “Crocifissione” di Masaccio al Museo Diocesano

    In ricordo di un grande donatore Il primo maggio di quest’anno, Alberto Crespi avrebbe soffiato cento candeline sulla torta. In ricordo di questo raffinato giurista milanese, scomparso nel 2022, il Museo Diocesano di Milano è riuscito a conquistare (temporaneamente) il “fondo oro per eccellenza” della storia dell’arte. Così è definita la “Crocifissione” di Masaccio: un’opera…

    Read more

  • Cent’anni dopo la scoperta di Spina etrusca

    Una scoperta archeologica da non dimenticare 1922 – 2022. Cent’anni sono ormai trascorsi da quell’inaspettato mucchio di “terrecotte e bronzi di magnifica fattura greca”, che emersero durante gli scavi di bonifica delle valli di Comacchio. Da allora, gli archeologi non si sono più arrestati, continuando ad approfondire e incrementare il patrimonio di conoscenze della città…

    Read more

  • Cercasi risposte

    “Who is Who-dimensional?” alla Galleria Giò Marconi Who the Baer. Un orsett* in cerca di identità Una delle poche certezze di questo personaggio è la sua genesi artistica. Durante il primo lockdown del 2020, quando tutti ci trovavamo rinchiusi nelle nostre case, l’artista britannico Simon Fujiwara ebbe un’idea. Un’idea che traduceva il sentimento di disperazione,…

    Read more

  • Joaquín Sorolla e le luci di un pomeriggio al mare

    Quando gli occhi e l’animo cominciano a chiamare con insistenza l’estate e i suoi colori, una tela di Joaquín Sorolla può soddisfare questo desiderio. Basta scorgere il suo “Cucendo la vela”, e le atmosfere di un caldo e rigoglioso luglio della costa iberica ci contorneranno con le loro macchie di sole. Il “pittore della luce”,…

    Read more

  • La Torre Gorani

    La Torre Nel cuore del centro storico di Milano, a due passi dal Duomo, sorge un edificio anacronistico, rispetto al suo moderno contorno immobiliare. Si tratta dell’antica Torre dei Gorani: una torre di epoca medievale, sorta nel lontano XI secolo, testimonianza di quello che fu l’omonimo Palazzo.  Dove Corso Magenta si incontra con Via Meravigli, ed…

    Read more

  • Vittore Carpaccio

    L’ARTISTA Chiariamolo subito: il celebre piatto denominato “Carpaccio” deriva proprio da questo artista veneziano. Nel 1950, Giuseppe Cipriani, proprietario dell’Harry’s Bar di Venezia, inventò questo secondo a base di carne cruda, ispirandosi a un quadro del Carpaccio. Sosteneva che il suo colore rosso-violaceo ricordasse molto le tinte delle opere del piittore in questione. C’è chi…

    Read more

  • Antonello da Messina

    L’ARTISTA Dovete pensare ad Antonello come a un nodo marinaro. Un punto d’unione di due estremità essenziali, separate da uno specchio d’acqua marina. Nella sua pittura, l’arte del Rinascimento italiano si fonde con il mondo dei Fiamminghi. Le Fiandre affacciate sulla costa oceanica si congiungono, circumnavigando il continente, al cuore del Mediterraneo e alla Laguna veneta.…

    Read more